Ristoranti, bar, tabaccherie e abitazioni: raffica di furti nella notte

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fano (Pesaro e Urbino) 2 marzo 2016 – Raffica di furti nella notte. Tra sabato e lunedì tantissimo colpi messi a segno. Si è iniziato nel week end lungo il porto canale. I ladri sono entrati nella notte tra sabato e domenica nel ristorante ‘La Taverna dei Pescatori‘ ma se ne sono dovuti andare via a mani vuote. A segno invece il colpo al ‘Bon Bon’ e quelli in tre appartamenti che affacciano sull’Istituto professionale Volta, dove sono stati rubati oro e preziosi per un valore ancora da quantificare.

Sono più i danni dei guadagni che i ladri hanno fatto nel ristorante di piazzale Calafati, al Lido. “Hanno rotto il vetro in basso che c’è nella porta principale – racconta Filippo Ravagli, più noto come Felix, titolare della Taverna – e sono entrati da lì. Ma è saltato subito l’allarme e veloci come sono entrati sono usciti… dalla finestra sul retro. Non hanno portato via nulla. Non hanno nemmeno toccato nulla, a dire il vero. M’hanno fatto solo danni. Ma tanto, cosa vuoi rubare da me? Il pesce crudo… pure quello c’è tutto”. In passato il ristorante era già stato oggetto di ruberie: una volta ignoti asportarono un albero di Natale affisso all’esterno del locale. Un dispetto più che un furto. Ravagli fu pure aggredito e picchiato, alcuni mesi fa (era la metà di aprile scorso), da una banda di ragazzini che aveva redarguito poco prima. Quella è infatti una zona che viene bersagliata, nel week end, da piccoli e grandi atti di vandalismo.

Una volta usciti dal locale di Ravagli, i malviventi si sono diretti al Bon Bon. “Sono entrati dalla porta sul retro – spiega il titolare Francesco Dionisi -, quella che dà sulla saletta, vicino alle toilette. Sono andati dritti alle tre casse. Hanno tagliato i fili e si sono portati via i tre cassetti. Ci saranno stati sì e no 150 euro di fondo cassa per le colazioni del mattino. Del resto non hanno toccato niente. Hanno fatto in fretta e prendendosi dei grossi rischi. Perché io ho chiuso alle 4. La donna delle pulizie è arrivata alle 5 e ha trovato ‘sto bel lavoro già fatto. E dire che al piano di sotto c’erano i pasticceri nel laboratorio che lavoravano già da due ore”.

La notte dopo, lo stesso copione va in scena a Cuccurano dove sonos tati razziati prima un ristorante e poi una tabaccheria. Hanno usato due estintori per sfondare le vetrate della tabaccheria Li.Ga lungo la Flaminia, dopo aver tagliato le inferriate esterne che proteggevano quell’accesso. Erano le 3.25 quando i ladri hanno fatto irruzione all’interno portandosi via un bottino da quasi 20mila euro, tra stecche di sigarette e Gratta&Vinci. Neppure l’allarme, che è scattato immediatamente, li ha fermati. Quando il titolare è arrivato, nemmeno 20 minuti dopo, si erano già volatilizzati. Erano tre uomini a viso coperto, lo diconom le immagini registrate dalle telecamere di video sorveglianza. Proprio come quelli che la settimana scorsa sono andati a “visitare” il Bar Polvere di Caffè di via Bellandra. 

Poco prima di mettere a segno il colpo al tabacchi, i tre si erano fermati al ristorante La Vecchia Fornace dove hanno arraffato cibo… ed anche un coniglio già cotto che hanno mangiato lì sul posto, seduti a tavola come dei clienti ben trattati. Nella stessa notte, dopo aver riempito la pancia, i ladri hanno riempito anche il serbatoio del mezzo con il quale sono fuggiti. All’autofficina Giorgini di via Bellandra. Svaligiata anch’essa. Su questi ultimi furti indagano i carabinieri. 

 

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente IL METEO DI OGGI A FABRIANO E NELLE MARCHE -by il Borghigiano- Successivo Topi d’auto: raid in corso Garibaldi. Vetri in frantumi, sparito portafogli