Rotatorie di via Goito, al via i lavori dopo 8 anni

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 1 febbraio 2016 - Alleluja. Se ne parla dal 2008, quando il compianto onorevole Massimo Vannucci ottenne i finanziamenti (330mila euro di 8 anni addietro). Il progetto risale a 5 anni fa, ma solo ora, mercoledì prossimo, inizieranno i lavori per la realizzazione delle due rotatorie in via Goito (in corrispondenza delle intersezioni con Via Solferino e con via Nanterre–via Milazzo), per migliorare la sicurezza stradale». Per il sindaco «sono cose concrete, sono previsti anche ciclabile e percorso pedonale».

Ovviamente nei comunicati dell’amministrazione comunale gli otto anni trascorsi non sono nemmeno ricordati.

Poco male, l’importante è guardare al futuro.

Spiega l’assessore Enzo Belloni: «La rotonda all’altezza di via Solferino avrà un diametro esterno di 45 metri, con anello ad una corsia largo 10 metri e mezzo. Per l’altra rotatoria in corrispondenza di via Nanterre, il diametro esterno sarà di 40 metri – spiega l’assessore ai Lavori pubblici –. Costruiremo anche il percorso pedonale e la ciclabile a doppio senso di marcia (lunga un chilometro), sul lato di via Goito che costeggia l’area del campus. Il nuovo tratto si raccorderà con gli itinerari ciclabili esistenti, in particolare su via Nanterre. E con quelli in fase di progetto e realizzazione, tra cui quelli previsti su via Solferino, fino a Villa Fastiggi, e su via Goito, fino a via Bonini».

«Si tratta di un intervento complessivo di 820mila euro con finanziamento suddiviso a metà tra ministero delle Infrastrutture e Comune (410mila euro a testa)», prosegue la nota.

L’intervento, appaltato all’impresa Petrelli di Urbino, comprende l’impianto di illuminazione pubblica ex novo per le due rotatorie e per il percorso ciclopedonale. «Adegueremo, in aggiunta, l’illuminazione attuale su via Goito. E integreremo la rete di raccolta delle acque meteoriche. Durante i lavori Marche Multiservizi, in accordo con il Comune, rinnoverà le reti di gas e acqua che coinvolgono l’area delle opere». Ovviamente saranno sacrificati 26 pini ad alto fusto. E’ prevista la sostizuine con altri alberi da piantare nel quartiere.

Sui tempi: «Gli interventi dovrebbero concludersi entro la fine dell’anno – dice Belloni –. Saranno suddivisi in fasi: partiremo su via Solferino, all’esterno dell’attuale intersezione stradale, con la realizzazione della parte di rotatoria che cade nell’area del campus scolastico e del percorso ciclopedonale, in questa prima fase non ci saranno limitazioni alla circolazione. Successivamente, da metà marzo, si lavorerà all’interno dell’attuale sede stradale».

«A quel punto manterremo – conclude Belloni – pressoché inalterata la circolazione lungo via Solferino, modificandola invece su via Goito per circa tre mesi. La rotatoria all’intersezione con via Nanterre, invece, sarà realizzata probabilmente nel periodo estivo. Senza il traffico legato all’attività scolastica».

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Donna morta ad Ascoli, oggi l'autopsia Successivo Fabriano - Maxi operazione di controlli: denunciati tre romeni