Ruba col bebè in braccio: la nomade torna libera e se la ride fuori dal tribunale

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Macerata, 29 marzo 2016 – Ammette le sue responsabilità e torna libera la nomade arrestata domenica, dopo un furto in appartamento con il figlioletto di sei mesi in braccio. Ieri in tribunale la donna ha raccontato di essere venuta in città in pullman, per chiedere l’elemosina in corso Cavour. Poi però aveva incontrato un conoscente e avevano deciso di andare a rubare negli appartamenti. E così hanno fatto: i carabinieri l’hanno sopresa con il bimbo in braccio e un 13enne in un appartamento del centro.

La nomade si è impegnata a risarcire il furto, e dopo la convalida dell’arresto il giudice le ha imposto l’obbligo di dimora a Civitanova, dove lei per ora vive in un camper. Ha decine di aluas e una lunghissima lista di precedenti, ma dato che ha sette figli non è mai andata in carcere. All’uscita dal tribunale, ha sorriso all’indirizzo di giornalisti e fotografi, facendo anche il segno della vittoria con le mani.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Accordo Regione-Federlegno-Confindustria Successivo Fabriano - Domani, la pubblicazione del docufilm di Ranalli: "La fine dell'illusione"