Ruffini vince l’oro e dal podio chiede la mano della Ponselè

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Kazan 1 agosto 2015 – Prima vince l’oro e poi dal podio lancia la sua richiesta d’amore, scritta su un semplice foglio con un pennarello blu: “Aurora mi vuoi sposare?”. Lei in tribuna sorride e si commuove.

Fantastico Simone Ruffini, 25enne di Tolentino, ma pesarese d’adozione (è cresciuto nella Pesaro Nuoto) che ieri ha sbaragliato la concorrenza nella 25 km di fondo in acque libere ai Mondiali di nuoto di Kazan.

E’ la sua medaglia più importante in carriera: l’unico oro a livello internazionale lo aveva vinto alle Universiadi di Shenzhen, in Cina nel 2011. Poi argenti e bronzi.

Ma questo oro brilla anche dell’amore per la sua Aurora Ponselè, l’ondina pesarese alla quale è legato: anche lei sta gareggiando ai Mondiali di Kazan. E ha risposto alla proposta di matrimonio disegnando con le sue mani un cuoricino. E poi un lungo abbraccio

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Polizia, arriva il questore Giancarlo Pallini Successivo Porto Sant'Elpidio, passione ciclismo Luci tricolori sulla nuova Gran Fondo