Russi troppo forti per la Consultinvest Pesaro

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 21 settembre 2015 – Netta sconfitta per la Consultinvest Pesaro a Cantù nella finale di Coppa Fox: troppo grande la fisicità e la tecnica dei russi del Krasny Volgograd che si impongono 82-60 (parziali: 19-15, 28-39, 42-61). I russi sono sicuramente la squadra più accreditata del lotto del torneo e anche troppo forti fisicamente per pensare di spuntarla.

Al di là del risultato finale, ci sono numerosi motivi per sorridere per coach Paolini: perché dopo l’ottima prova contro Cantù, anche ieri la Vuelle ha fatto vedere a tratti cose egregie, soprattutto nella prima metà del match.

Spiega il diesse Stefano Cioppi: «Avversario di alta fisicità, per noi è stato un test importante, in campionato ci attendono gare così, ad alta intensità: il precorso prosegue in vista delle partite che contano».

Ritrovato McKissic dopo la disavventura con i ladri in casa, il primo periodo va avanti all’insegna di un sostanziale equilibrio, a ritmi anche piuttosto elevati.

Il problema di Pesaro, però è quando si abbassano i ritmi: in questo caso la Vuelle si trova ad attaccare la difesa russa schierata e ne soffre la grande fisicità. Così calano anche le percentuali e il punteggio riflette la situazione. Volgograd chiude il primo tempo sul massimo vantaggio di +11. (28-39). E poi dilaga nel terzo parziale: 55-35, sembra ormai che la partita in pugno ai russi.

Nell’ultima frazione, scintille tra Sokolov e Candussi, con il russo che forse va un po’ troppo con la testa verso Candussi: più provocazione che altro, ma entrambi rimediano l’espulsione.

Buon finale di Christon e McKissic. La tripla di Cooper (66-48) spezza ogni accenno di rimonta di Pesaro. Finisce 82-60.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Fabriano - La mia musica in 40 anni - di Elisa Pallotta- Successivo Ucraino ubriaco investe due pedoni. Grave Cristina Amadori, consigliere comunale