San Costanzo, un flash-mob di Greenpeace per dire no alle trivelle

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

San Costanzo (Pesaro), 13 dicembre 2014 – Oggi a San Costanzo, e in contemporanea in altre sette città italiane, volontari di Greenpeace hanno protestato contro la legge “Sblocca Italia”. “Una legge – si legge in una nota dei promotori – imposta con la fiducia dal governo Renzi, che, tra le altre cose, facilita l’iter per nuove trivellazioni in mare. La politica fossile del governo blocca le rinnovabili e promuove nuove trivelle”.

Mostrando banner con la scritta “No trivelle, sì rinnovabili” e cartelli raffiguranti delle piattaforme petrolifere offshore, i volontari hanno organizzato un flash-mob per “ricordare a tutti i cittadini che la legge 164/2014 sblocca Italia, approvata da poco in parlamento, non è altro che uno sblocca trivelle, che rischia di trasformare il mare italiano in un far west in mano ai petrolieri”.

“Autorizzare nuove trivellazioni offshore in Italia è una mossa senza alcun senso – afferma Luca Iacoboni, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace -. Sono le stesse stime del Ministero dello Sviluppo Economico a dirci che le riserve certe di petrolio e gas presenti nei nostri mari equivarrebbero a solo qualche mese di consumi nazionali. Anziché puntare su rinnovabili ed efficienza energetica, Renzi vuole adottare una politica fossile che guarda al passato. Non certo quello che serve per rilanciare l’economia, creare nuovi posti di lavoro e combattere i cambiamenti climatici”. Durante il flash mob i volontari hanno inoltre distribuito la “Dichiarazione di Indipendenza dalle fonti fossili” di Greenpeace, che in pochi mesi ha già raccolto oltre 100 mila adesioni. 



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente La Lube va sotto, rimonta e poi schiaccia Perugia Successivo L'Oroscopo di oggi gli astri del Borghigiano