Sapori, bontà e arte di ogni tipo: che spasso girare tra gli stand

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Fermo, 8 marzo 2015 – Fin dal primo scatto, la 23esima edizione di Tipicità è volata verso un nuovo successo di pubblico, presente in massa dalle prime ore della mattinata.

Un giro negli spazi espositivi, per ogni visitatore, è stato uno spasso e, allo stesso tempo, un percorso conoscitivo tra le bellezze dell’artigianato artistico, i gusti e i sapori del mercatino delle eccellenze dell’enogastronomia fermana e regionale: insomma, un accumulo di emozioni capaci di far perdere la testa a molti visitatori che hanno girato negli spazi del Fermo Forum, razionalizzati come poche altre volte per esaltare le bellezze storico artistiche del territorio regionale.

Per l’artigianato artistico ben rappresentati i cappelli di paglia di Montappone, la carta di Fabriano, le creazioni di “Aria”, le teche artistiche di “Daca”, in uno spazio espositivo comune alla poltrona Frau di Tolentino, con in un vetrina speciale ad ospitare un’opera del maestro Sandro Pazzi, oltre alle centinaia di pezzi che danno il benvenuto agli ospiti nella galleria che immette agli spazi espositivi.

Poi il “Teatro dei Sapori”, dove da ieri e fino a domani si alternano chef stellati per la preparazione di piatti della tradizione culinaria fermana, regionale e nazionale. L’ingresso nella grande piazza di Tipicità è un colpo d’occhio che affascina: tutt’intorno gli spazi riservati al “mercatino” con le migliori produzioni della gastronomia: dal il ciauscolo.it, all’azienda “5 Ghiande”, da la Bottega della Cuccagna con salumi, formaggi e tartufi dei Sibillini, all’azienda vinicola Vitali, alla Poderi dei Colli, alla scuola del cioccolato, ai prodotti del mare, alle torrefazioni di caffè al vino cotto.

Poi gli stand per la promozione turistica, l’importate spazio della Regione Marche e quello della Camera di commercio di Fermo, che ha presentato ai visitatori gli alunni dell’Istituto Alberghiero Tarantelli di S.Elpidio a Mare che hanno scolpito un mappamondo di cioccolato opera di Mustafà Hachimi, un alunno del professor Stefano Isidori del terzo anno. Spazio che ha accolto, dopo il taglio del nastro, le personalità presenti, accolte dal presidente Graziano Di Battista, per un brindisi d’augurio.

Insomma, una giornata inaugurale che meglio non si poteva immaginare, per la soddisfazione della direzione di Tipicità e di quanti nell’arco dell’anno si sono adoperati per mettere insieme l’edizione 2015 che proietta Fermo e le Marche verso Expo mondiale di Milano.

 

 



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente 8 marzo: Coldiretti, 8600 aziende 'rosa' Successivo Oggi gli altri ci ammirano