Sara Ugolini e il ‘100’ conquistato nei giorni bui della tragedia: "Papà, questo lo dedico a te"

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 18 luglio 2015 – Si sono diplomate a pieni voti: Margherita Micheli (VE 100); Xhuliana Duro (VG 100); Cristina Perugini (VG 100) e Sara Ugolini (5G 100) sono le migliori studentesse dell’Istituto Santa Marta Branca. «Si tratta di ragazze brillanti e preparate capaci di emergere e distinguersi tra i 143 studenti ammessi e poi promossi all’esame di Stato», osserva orgoglioso il dirigente dell’istituto Carlo Nicolini. «Dedico questo 100 a mio babbo» osserva Sara, figlia di Luca Ugolini, il rosticcere vittima a 44 anni di un incidente con lo scooter, e deceduto un mese fa, negli stessi giorni in cui la primogenita stava preparando la prova d’esame. Bastano poche parole e del babbo Sara rivela il carattere energico: «L’esame si affronta solo se si è studiato».

Con quella assenza improvvisa e dolorosa, imparerà a convivere: «Altro modo non c’è – continua dolcemente –. Quello che posso fare è seguire il suo esempio e affrontare la vita in modo positivo». Per questo «andrò controcorrente – dice con il volto che si illumina tra i boccoli biondi – prima di proseguire gli studi all’università ho intenzione di trascorrere un anno a Londra, per vivere un’esperienza impegnativa ma utile a migliorarmi, tanto nella lingua quanto nella visione occupazionale».

Vicino a lei, Duro e Perugini, ridono, consapevoli della determinazione, difficile da battere, della loro cara amica. E loro cosa faranno? Perugini, tanto per cambiare, si è aggiudicata per merito, vincendo un concorso tra 20 candidati della provincia un viaggio studio di tre settimane in Irlanda, mentre Xhuliana che ha il turismo nel sangue, non ha smesso i libri e sta preparando l’esame di ammissione per Economia del turismo a Rimini. E’ chiaro che il terzetto è lanciato ad esplorare il mondo.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Incendio al Cosmari, la nube tossica si dissolve. L'Arpam: "Valori nella norma" Successivo Carabiniere ucciso, errore impossibile Il giallo di omissioni e indagini sbagliate