Sarchiè, folla ai funerali del pescivendolo ucciso

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

San Benedetto del Tronto (Ascoli), 5 ottobre 2014 – La chiesa di San Filippo Neri di San Benedetto del Tronto era gremita oggi pomeriggio per i funerali di Pietro Sarchiè, il pescivendolo scomparso il 18 giugno nel Maceratese durante un giro di consegne e ritrovato assassinato con un colpo di pistola alla nuca, il corpo semi carbonizzato, il 5 luglio nelle campagne di San Severino Marche.

Attorno ai familiari si sono stretti parenti e amici, ma anche tanti dei clienti che Sarchiè visitava ogni settimana in provincia di Macerata, e con i quali aveva stretto legami di amicizia. Poco prima del rito, la figlia Jessica ha postato un messaggio sulla sua pagina Facebook: ”Oggi è il giorno più brutto della mia vita e ci sono dentro, nel peggiore dei modi, perché mio padre non mi è venuto a mancare per volontà di Dio, ma per mano assassina. E’ andata nel peggiore dei modi; esseri immondi, mi hanno strappato mio padre in modo barbaro e hanno deciso per il mio e nostro futuro. Babbo, mi manchi e mi domando dove sei”.

Per l’omicidio, che sarebbe maturato per motivi di rivalità commerciale, la procura di Macerata ha iscritto nel registro degli indagati quattro persone: il principale indiziato è il pescivendolo siciliano Giuseppe Farina, il quale perà nega ogni addebito.



 

Precedente Centinaia di persone ai funerali di Sarchiè Successivo Spaccia in pieno centro, denunciato