Scarico di liquami: quintali di pesci morti nel fiume Foglia

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 22 agosto 2015 – Non c’è pace per il povero Foglia. Dopo le alghe rosse e le alghe verdi, ecco le acque marroni, con annessa schiuma. Ma stavolta il fenomeno è tutt’altro che naturale. Ed è decisamente grave. La fauna ittica lungo circa tre chilometri di fiume nei comuni di Montecalvo e Urbino è stata cancellata dallo sversamento di liquami zootecnici nel fiume. Inconfondibili il colore delle acque e soprattutto l’odore. Ieri pomeriggio Forestale (il comandante della stazione di Pesaro Acone e l’assistente Rotella) e Arpam (la dott. Giorgi del Servizio acque) erano sul posto per le indagini e i campionamenti del caso, assistiti da guardie ittiche volontarie di Enalpesca.

Al termine di una serie di sopralluoghi è stato accertato il luogo dello sversamento, in corrispondenza di un noto allevamento di mucche a Montecalvo in Foglia. Da lì, in due punti a breve distanza tra loro, sono state scaricate nel fiume ingenti quantità di liquami. Per i pesci, anche in considerazione della bassa portata del fiume, non c’è stato scampo: carpe, cavedani, barbi, triotti, lasche, alborelle sono morti a quintali, per ammassarsi nei punti di acqua ferma. Il fatto che i pesci siano in stato di decomposizione fa pensare che lo sversamento sia avvenuto nei giorni precedenti, magari a più riprese. La strana colorazione del fiume e l’acqua puzzolente erano stati notati anche dai tecnici del Consorzio di bonifica.

Al termine delle indagini, la Forestale invierà un rapporto alla Procura della Repubblica.

ma.ci.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Peppa Pig e Candy Candy a #Oppureridi Successivo Ascoli, attacco di un hacker siriano ​ sul sito Internet di Palazzo Arengo