Scatta l’assalto alle bancarelle: «Ma molti negozi sono ‘murati’»

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Macerata, 31 agosto 2014 – È il grande giorno. Macerata è pronta a rendere onore a San Giuliano e ad accogliere la moltitudine di persone che arriverà in città. Sarà poi il tradizionale spettacolo pirotecnico a concludere, alle 23.30, l’edizione 2014. Da ieri, intanto, è scattato l’assalto alle bancarelle. Un fiume di gente si è riversato in città. Eppure, tra i commercianti, c’è chi protesta. È il caso di corso Cavour dove Luigi Mosciatti, titolare del negozio Buzz, non ha preso affatto bene la disposizione delle bancarelle: «Davanti al mio negozio — spiega — hanno sistemato un furgone che vende porchetta. Praticamente sono murato vivo. Nessuno vede la mia attività e la gente passa solo in mezzo alla strada. Stessa situazione per altri colleghi che hanno preferito chiudere prima e andarsene». Malumori persino in corso Cairoli dove, da questa’anno, è stato allungato il serpentone di bancarelle sul lato sinistro scendendo dallo Sferisterio. In questo caso la protesta è curiosa, dal momento che erano stati gli stessi commercianti a chiedere di non rimanere tagliati fuori dalla fiera. Protestano i negozianti sul lato senza bancarelle: «Da noi — osservano — non passa nessuno».

Ma festa sia, al di là delle polemiche. Quest’anno si svolge anche nel segno della musica e si caratterizza per il ballo in piazza e la grande pista da dodici metri per dodici che, grazie alle serate danzanti proposte dalla Pro Loco Macerata, ha offerto a tutti la possibilità di ritrovarsi, divertirsi ed il piacere di stare insieme. Ma in primo piano, oggi, sarà anche l’aspetto religioso con la concelebrazione eucaristica presieduta dal vescovo, monsignor Nazzareno Marconi, alle 18, in Cattedrale. Ci sarà l’offerta del cero da parte del sindaco Romano Carancini e, al termine della solenne liturgia, la processione fino in piazza della Libertà con l’accompagnamento musicale della Banda Salvadei – Città di Macerata.

Parcheggi. La sosta è gratuita al parcheggio Garibaldi e al parcheggio Sferisterio (aperto 24 ore su 24). Gratuita anche su strada in tutti gli spazi delimitati da strisce blu tranne che in via Trento, dove la sosta resterà a pagamento dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 20 al costo di un euro all’ora. Sosta a tariffa anche al ParKsì dei Giardini Diaz che rimane aperto fino all’una dopo mezzanotte (tariffa 1,20 euro all’ora e 12 euro intera giornata) e all’ Autosilos di via Armaroli che rimarrà aperto fino alle due dopo la mezzanotte (gratuito dalle ore 20).



Precedente L'Oroscopo, gli astri del Borghigiano Successivo Un drone nei cieli di Civitanova: «Il mio film dell’estate dall’alto»