Schiacciata sotto il trattore

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli, 18 aprile 2015 - GRAVE infortunio nelle campagne di Ripatransone dove una donna di 76 anni ha rischiato di rimanere maciullata dal trattore. L’incidente è accaduto intorno alle 18,30 di ieri in località Brancuna, nelle vicinanze di un’azienda che produce calcestruzzi. La vittima dell’infortunio A.M.P. è stata trasportata d’urgenza all’ospedale di San Benedetto, assistita dall’equipaggio con rianimatore giunto dall’ospedale Torrette di Ancona con l’Eliambulanza.

Secondo la prima ricostruzione, la donna si sarebbe avvicinata troppo al trattore condotto dal figlio e il giunto l’ha agganciata ai pantaloni provocandole danni seri alla gamba destra che ha subito fratture e una vasta lacerazione. Ciò nonostante l’anziana è rimasta vigile ed ha conservato parametri accettabili da consentirne il trasporto al «Madonna del Soccorso», dove i medici, in serata, stavano ancora valutando se centralizzarla o trasferirla all’ospedale Torrette di Ancona.

Per primo sul posto è intervenuto un equipaggio della croce azzurra di Ripatransone, poi quello della Potes 118 di San Benedetto, che ha richiesto l’intervento dell’Elisoccorso. Il velivolo è arrivato sul posto in tempi rapidi, ha fatto scendere l’infermiere e il rianimatore poi è subito tornato indietro, poiché il mezzo aereo non è autorizzato al volo già al calar del sole. I soccorritori hanno stabilizzato l’anziana donna che è stata accompagnata all’ospedale di San Benedetto con l’ambulanza della Potes, assistita dal rianimatore dell’Emergenza del Torrette di Ancona, mentre il resto del personale sanitario locale è tornato indietro con l’ambulanza della croce azzurra. E’ stato un soccorso piuttosto complesso, a livello di mezzi e di uomini, ben coordinato dal 118 di Ascoli.

 

 



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Fabriano - Prendiamo esempio da Gubbio -di Sandro Tiberi- Successivo Via dal centro, blitz dei giostrai in Comune. Il sindaco si barrica, arrivano i carabinieri