Schiacciato da due auto: muore un ottantenne

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Ripatransone (Ascoli Piceno), 29 ottobre 2014 – Doppio investimento sulla provinciale Valtesino nel comune di Ripatransone, non distante dall’abitato di S. Maria Goretti. Vi ha trovato la morte Agostino Ceccarelli. Aveva 80 anni. Lo sfortunato anziano del luogo, stava attraversando la strada per recarsi dal fruttivendolo, quando è stato urtato da un’auto, che procedeva con direzione monte-mare, che l’ha fatto cadere a terra ed è stato poi letteralmente schiacciato da un’altra vettura che seguiva a breve distanza e il cui conducente non ha fatto in tempo a schivarlo. I mezzi coinvolti nell’incidente sono una Fiat Panda e una Fiat Punto.

La zona in cui si è verificata la tragedia non sembra essere molto illuminata. Una fine orribile per il pensionato. Immediati i soccorsi inviati dal 118 di Ascoli. Sul posto è giunto l’equipaggio della Potes di Offida che ha cercato di fare il possibile.

Per sollevare la vettura, anticipando anche l’arrivo dei mezzi dei vigili del fuoco del distaccamento di San Benedetto, i sanitari hanno chiesto è ottenuto l’aiuto di un passante che conduceva un mezzo con la gru, ma ogni tentativo di strapparlo alla morte è stato vano. Il pensionato è deceduto sul colpo.

L’ottantenne era piuttosto conosciuto in zona e la sua morte ha gettato nella disperazione i familiari, subito accorsi sul luogo della disgrazia e provocato profondo cordoglio in tutti gli abitanti della frazione di Santa Maria Goretti. Un piccolo centro dove tutti praticamente conoscono tutti. Così la notizia ha fatto il giro del paese in un lampo.

Per i rilievi di legge è intervenuta la polizia stradale del distaccamento di San Benedetto, presente anche il comandante Stefania Farroni. La salma, rimossa su disposizione del sostituto procuratore della Repubblica di Fermo, è stata messa a disposizione per gli accertamenti del caso, che potrebbe presentarsi anche piuttosto complesso. In certe drammatiche circostanze, capita a volte, soprattutto per questioni tecnico-assicurative, che c’è la necessità di dover accertare se il malcapitato è deceduto a seguito del primo investimento o del secondo. In ogni caso tutto dovrà essere ricostruito dalla polstrada nelle prossime ore, e probabilmente non sarà un lavoro facile.



Precedente Spese pazze in Regione, sulle elezioni incombe la richiesta di prorogare le indagini Successivo Morta di Legionella a Marotta Il batterio nei tubi dell'acqua