Schianto con il parapendio contro gli alberi sopra Portonovo

IL BORGHIGIANO 2013

Ferito un 47enne di Recanati in volo sulla baia

Schianto con il parapendio contro gli alberi sopra Portonovo

Schianto con il parapendio contro gli alberi sopra Portonovo

Ancona, 15 luglio 2013 – FA PARAPENDIO sul Conero e rischia di schiantarsi. E’ finito sugli alberi della macchia mediterranea sopra Portonovo l’uomo che ieri pomeriggio si è alzato in volo col suo parapendio, una sorta di paracadute azionato e mosso dal soggetto stesso attraverso delle corde. Qualcosa deve essere andato storto nel pomeriggio di ieri e l’atterraggio è stato piuttosto complicato. Per fortuna Michele Pierdominici, 47 anni, residente a Recanati, se l’è cavata con delle ferite lievi e delle escoriazioni provocate dalla caduta sui rami dell’albero.
Il fatto è accaduto poco dopo le 15 nel tratto di vegetazione che si trova tra l’hotel Emilia e la frazione anconetana del Poggio, proprio sopra la baia di Portonovo. Una zona piuttosto impervia. Ieri spirava anche un vento insidioso quando il 47enne si è alzato in volo dalla vicina area che si trova nei pressi del parcheggio per scendere a Mezzavalle. Non è chiaro quale sia stata la causa decisiva, sta di fatto che molti testimoni hanno visto il parapendio in questione piuttosto in difficotà, fino a quando non è finito addosso alla macchia senza possibilità di scendere in maniera normale e comoda. C’è stata molta preoccupazione all’inizio, poi quando sul posto sono giunti i sanitari della Croce Gialla di camerano e i vigili del fuoco, si è capito che la persona aveva riportato conseguenze molto lievi. Il recanatese era riuscito a scendere da solo dalla chioma della pianta a terra, ma il parapednio si è incastrato tra i rami e per liberarlo c’è voluto un lungo lavoro da parte dei vigili del fuoco, compresi i colleghi del corpo dei vigili del fuoco volontari. Da quanto è stato possibile accertare, pare che il punto che stava sorvolando il parapendista al momento della caduta fosse vietato al volo.

(FONTE IL RESTO DEL CARLINO)

Precedente Guida senza patente. Fermato, si spaccia per il fratello che però è pluripregiudicato. Successivo Indesit. La marcia dei 5000 a Fabriano. Speciale 12 Luglio 2013