Schianto in via Trevisani, scooterista ubriaco e drogato

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Fermo, 8 novembre 2014 – Ha un nome il giovane che lunedì scorso si è schiantato con lo scooter in via Trevisani, riportando fratture multiple e un forte trauma cranico. Si chiama Maohamed Belghazli, ha 21 anni ed è un algerino clandestino in Italia. Il ragazzo, dopo essersi ripreso, ha fornito però generalità false, spacciandosi per il fratello più grande regolarmente residente a Fermo. Il tentativo di depistaggio è stato però scoperto dalla polizia di Fermo, che ha smascherato il clandestino. Per il 21enne, ormai fuori pericolo, scatterà ora la denuncia per false generalità, sostituzione di persona, guida in stato di ebbrezza e sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

Il giovane, infatti, è stato trovato positivo all’alcol e all’eroina. Ora nel mirino degli investigatori è finito lo spacciatore che ha venduto le dosi al 21enne, che, secondo indiscrezioni, avrebbe già un nome e un volto. Erano da poco passate le 23 quando l’extracomunitario, in sella ad uno scooter, stava procedendo in discesa proveniente da viale Vittorio Veneto.

Poi aveva imboccato via Trevisani superando una Bmw che viaggiava nella stessa direzione. Improvvisamente aveva sbandato paurosamente, andandosi ha schiantare contro il muro e un paletto di metallo posizionato dalla stessa parte della corsia di marcia. L’impatto era stato terribile e il giovane aveva perso momentaneamente conoscenza. Sul posto, avvisati da un residente, erano intervenuti i sanitari del 118 e della Croce Verde di Fermo, che avevano trasportato il 21 enne al pronto soccorso. Qui i medici, viste le gravi condizioni, avevano disposto il trasferimento i sala operatoria per un intervento chirurgico. Il ragazzo però non aveva documenti con sé ed è stato necessario attendere il suo risveglio per una prima identificazione.

Fabio Castori



 

Precedente Raid in un’abitazione: ladri in fuga con la Mercedes Successivo Dosi pronte per lo spaccio: arrestato