Scontri Alma-U.S. Ancona, 10 Daspo: fuori dagli stadi per 5 anni

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fano (Pesaro e Urbino), 14 novembre 2015 – Lontani da tutti gli stadi italiani per 5 anni. Ed ora la squadra Anticrimine di Pesaro sta valutando se estendere il provvedimento anche ad altri sport. Denunciati in stato di libertà 10 tifosi della squadra di calcio U.S. Ancona, 8 dei quali residenti nel capoluogo dorico e 2 a Ferrara (tifosi della Spal), di età compresa fra i 20 ed i 40 anni, ritenuti responsabili dei reati di porto non giustificato di strumenti atti ad offendere, lancio di fumogeni ed altri artifizi esplodenti, uso di caschi ed altri strumenti atti ad impedire il riconoscimento, danneggiamento aggravato e resistenza aggravata a Pubblico Ufficiale, in occasione degli scontri verificatisi il 13 agosto scorso a Fano, a margine dell’incontro amichevole di calcio Alma Juventus Fano/U.S. Ancona 1905, allo stadio Mancini.

In particolare nella circostanza, un gruppo di ultras della squadra ospite, travisati con caschi e cappucci ed armati di bastoni e spranghe, assalivano alcuni supporters locali all’interno del Bar Metauro, nei pressi dello stadio, facendoli anche oggetto di un lancio di fumogeni e petardi. L’aggressione veniva interrotta dal pronto intervento dei contingenti della Polizia di Stato.

Le successive laboriose indagini condotte dagli agenti del commissariato di Fano, consentivano di ricostruire non solo le varie fasi dell’aggressione, realizzata con una dinamica accuratamente predeterminata, che prevedeva, fra l’altro, l’utilizzo di petardi e fumogeni proprio allo scopo di creare confusione ed aumentare così le potenzialità di offesa del blitz, ma anche e soprattutto di identificare 10 appartenenti alla tifoseria organizzata anconetana, che venivano denunciati in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria e nei cui confronti sono state avviate le procedure per l’applicazione del divieto di accesso ai luoghi ove si svolgono competizioni sportive.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle

Precedente Arrestato rapinatore seriale di banche Successivo Osimo e Fabriano in trincea per difendere le Maternità