Scontro sindaco-comitato sul Giano

FABRIANO
Il comitato di cittadini “Alla scoperta del Giano” torna a chiedere un incontro pubblico sulla questione dello scoperchiamento definitivo del tratto di fiume compreso tra le vie Cialdini, Fratti e Filzi, nel centro storico. Ma il sindaco Giancarlo Sagramola rifiuta per ora la proposta: «Solo quando avremo concluso l’iter burocratico per affidare l’appalto possiamo indire un incontro pubblico». Una vicenda che si trascina da quasi un anno. Alcuni cittadini riunitisi in un comitato hanno promosso petizioni, incontri pubblici e studi per suffragare la tesi che non c’è alcun rischio sicurezza se si dovesse decidere di scoperchiare definitivamente il tratto di fiume dopo i lavori di riqualificazione e alla rete fognaria. Ad oggi il progetto – il cui appalto è stato affidato il 14 febbraio, anche se l’iter non è concluso in atesa di eventuali ricorsi – prevede che dopo i lavori si procederà con la ritombatura del tratto di Giano che attraversa il centro storico. «Ciò comporterebbe anche la non valorizzazione del ponte dell’Aere, giunto terzo nella campagna del Fai per i beni degni di tutela e da tramandare alle future generazioni», sostengono al Comitato. Non solo. Uno studio di docenti dell’Università di Perugia tenderebbe a escludere la «mancanza di sicurezza» qualora il Giano fosse scoperchiato. «Per questo chiediamo un incontro pubblico o un Consiglio comunale aperto». Sagramola per ora dice no. «A noi interessa portare a casa i lavori. C’è la disponibilità a promuovere l’incontro, ma a tempo opportuno».

Cellulari Usati
SCATOLE CARTONE IN PRONTA CONSEGNA!!! www.semprepronte.it

Precedente Ancona, anziana dà loro la casa in affitto Gli studenti non pagano e la derubano Successivo Pugni e sassate davanti al locale... Quattro feriti