Scontro tra Tornado, ricerche senza sosta dei militari dispersi

Il Borghigiano Il Resto del Carlino
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Ascoli Piceno, 20 agosto 2014 – Continuano senza sosta le ricerche dei quattro militari dispersi dopo il terribile incidente avvenuto ieri pomeriggio nel cielo di Ascoli. Due Tornado dell’Aeronautica Militare si sono scontrati (foto) tra le 16.25 e le 16.30 sopra Mozzano, una frazione del capoluogo. Gli aerei stavano svolgendo attività addestrativa e si sarebbero scontrati in volo finendo poi contro le colline che cingono la città e provocando un incendio (video 1 e 2) tra Olibra e Venarotta.

Le ricerche, che vedono in prima fila forze dell’ordine ma anche squadre speciali, si stanno concentrando sui quattro uomini a bordo degli aerei: due piloti e due navigatori. L’Aeronautica ha diffuso i loro nomi: si tratta del capitano pilota Alessandro Dotto e il capitano navigatore Giuseppe Palminteri, che erano insieme su un velivolo, e del capitano pilota Mariangela Valentini e il capitano navigatore Paolo Piero Franzese sull’altro tornado.

Il capitano Mariangela Valentini, 31 anni, pilota di caccia, ha partecipato ad operazioni in Afghanistan nel 2010 e in Libia nel 2011. E’ entrata allieva all’accademia di Pozzuoli nel 2001. Ieri, al momento dell’incidente, era affiancata dal capitano navigatore Paolo Piero Franzese.

Gli esperti dell’aviazione hanno assicurato che i quattro sono riusciti a lanciarsi con il seggiolino eiettabile avendo ricevuto il segnale radio di attivazione del sistema di espulsione (ma nessuno dei testimoni racconta di aver visto i quattro ‘espulsi’ dagli aerei, qualcuno parla di uno, altri di due paracaduti, ma nessuno quattro). Le ricerche sono particolarmente concentrate nella zona di Casamurana, frazione di Mozzano a pochi chilometri dal luogo dell’impatto, dove nella tarda serata di ieri è stato trovato un paracadute arancione.

Le pattuglie della Stradale che presidiano le strade per garantire la viabilità stanno lavorando con i lampeggianti accesi per poter offrire un eventuale riferimento ai superstiti. Sul luogo le squadre dei vigili del fuoco, Canadair, aerei della protezione civile che per tutta la notte sono state impegnate nel circoscrivere e domare ben cinque focolai d’incendio che hanno interessato in particolare Gimigliano e Olibra, frazioni di Venarotta dove sono stati ritrovati un motore e vari pezzi dei due aerei.

Uno di questi è caduto su un’auto in località Poggian’sù, schiacciandola, mentre a Roccafluvione l’onda d’urto ha mandato in frantumi i vetri di una casa. La Procura di Ascoli non ha ancora aperto un fascicolo sullo scontro in volo dei due Tornado militari, ma dovrebbe farlo oggi, ipotizzando il reato di disastro colposo. Ieri sera il sostituto procuratore Umberto Monti ha effettuato un sopralluogo nell’area del disastro, poi c’è stata negli uffici della Procura una riunione operativa per delineare la strategia di ricerca dei dispersi.




Link:  

Scontro tra Tornado, ricerche senza sosta dei militari dispersi

Precedente Un boato spaventa Ascoli: due aerei militari si scontrano in volo Successivo Scontro in volo nei cieli delle Marche, precipitano due caccia ... - La Repubblica