Scoperto il deposito dei ladri in un appartamento a Lido Tre Archi

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Fermo, 6 gennaio 2015 – Sembrava un intervento di routine per l’apertura di una porta con la serratura bloccata, invece, quando i vigili del fuoco sono entrati in quell’appartamento si sono trovati di fronte al nascondiglio di una banda di ladri professionisti, dove era stata nascosta, all’insaputa del vero proprietario, una refurtiva di centinaia di migliaia di euro. La scoperta è stata fatta dai pompieri di Fermo a Lido Tre Archi, ma sulla vicenda indaga la polizia. Tutto inizia quando un imprenditore, tornato dalla Tunisia dopo un lungo viaggio, chiede aiuto ai vigili del fuoco perché non riesce più ad entrare nel suo appartamento: la chiave va nel buco della serratura, ma non gira, non riesce ad aprire. I pompieri intervengono sul posto, riescono ad forzare la porta e ad introdursi nell’immobile. Quado entrano però si trovano di fronte ad uno scenario inaspettato: le stanze sono piene zeppe di moto, scooter, bicilette ancora imballate, pezzi di ricambio, carene in vetroresina e quant’altro. Insomma un vero e proprio bazar di merce rubata di ingente valore. Scatta immediatamente l’allarme e sul posto intervengono gli uomini del commissariato di Fermo, che avviano subito le indagini per chiarire come quella merce rubata sia finita nell’appartamento e scoprire chi ce l’ha portata.

Da una prima ricostruzione sembra che la casa sia stata occupata abusivamente e che i componenti della banda, sapendo che l’imprenditore era all’estero, si siano introdotti da una finestra e poi abbiano addirittura cambiato anche la serratura. Per settimane i ladri, quasi certamente, hanno agito indisturbati, servendosi dell’immobile come un deposito all’insaputa del vero proprietario. La polizia ha posto sotto sequestro la merce e la sta inventariando, cercando anche di individuare la provenienza e quindi di restituirla ai proprietari. Gli inquirenti stanno seguendo una pista che porterebbe sulle tracce di una banda composta da persone dell’Europa dell’est, pronte a trasportare la refurtiva all’estero.

Fabio Castori



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Fucilata fatale all’amico: indagato il cacciatore Successivo Raid al ristorante, fallisce il colpo bis alla mostra dell’artigianato