Scoperto l’hacker delle carte di credito: prelevava da centinaia di possessori in tutta Italia

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Osimo (Ancona), 13 ottobre 2014 – Denunciato dai poliziotti di Osimo l’hacker che prelevava soldi dai conti di centinaia di possessori di carte di credito in tutta Italia: tra i truffati c’è anche un giovane osimano che con la sua denuncia ha fatto scattare le ricerche. Un caso particolare che ha permesso agli agenti del Commissariato di Osimo di introdursi in un vero e proprio sistema criminale già consolidato sul web e individuare centinaia di prelievi fraudolenti, ammassati e nascosti su conti gioco online e intestati a titolari fittizi. Dopo varie indagini di natura complessa infatti, avviate per la sola via telematica, gli agenti hanno individuato in L. M. R., un 40enne di Reggio Emilia, la mente e la mano di tutta la truffa perpetrata anche ai danni di un giovane residente a Casenuove di Osimo. Era stato lo stesso ragazzo a denunciare in Commissariato il furto di cinquecento euro prelevati dalla sua carta Postepay.

Da lì è cominciata la ricerca che ha condotto all’emiliano, un’esplorazione tra le trame del web partendo proprio dalla sottrazione di denaro tramite l’entrata in possesso dei dati personali con il sistema “phishing” fino all’incasso dei soldi. Le somme venivano impiegate di volta in volta in giochi di abilità e scommesse sempre in rete, per sviare le indagini e intascare il denaro in maniera «pulita». A una seconda analisi però il «baro» è saltato fuori: quelle gare erano soltanto apparentemente regolari. Le frequenti vincite al gioco erano del tutto programmate in accordo con i finti perdenti e così il 40enne riusciva ogni volta ad appropriarsi di tutto il danaro depositato sui conti gioco dove erano state versate le somme sottratte. Ritenuto responsabile di utilizzo indebito di carte di credito e riciclaggio di decine di migliaia di euro, l’uomo è stato denunciato. Le ricerche della Polizia però non si fermano qui: gli agenti sono sulle tracce di complici, nel tentativo anche di recuperare il denaro.

 



 

Precedente Provincia, ecco il nuovo Consiglio. Passaggio di consegne tra Galuzzi e Tagliolini Successivo D'Erasmo presidente della Provincia "Il primo impegno: sistemare i conti"