Scoppia in lacrime e respinge le accuse: in aula il prof accusato di molestie

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Macerata, 5 maggio 2015 – Ha respinto ogni addebito ed è scoppiato in lacrime il professore universitario della facoltà di Veterinaria di Unicam finito ai domiciliari con l’accusa di aver molestato sei studenti. Stamattina infatti era in programma l’interrogatorio di garanzia, e Francesco Parillo, difeso dalgli avvocato Gian Marco Russo e Francesco Copponi, è stato ascoltato dal giudice Zampetti e dal pm Moscianese. Il professore avrebbe ribadito che l’insegnamento è la sua vita, e per questo avrebbe chiesto di poter tornare a insegnare. L’avvocato ha poi spiegato che la registrazione del ragazzo sarebbe nient’altro che una sorta di ricatto messo in atto per superare l’esame senza sostenerlo. Per quanto riguarda la mail contestata, invece, sarebbe stata semplicemente un appello per convincere un altro studente a dare l’esame. «Gli accusatori sono sei – spiega il legale – e si tratta di una cricca di amici che vogliono mettere nei guai il mio assistito. Le contestazioni riguardano solo buffetti, nessun tipo di palpeggiamento». Il professore avrebbe anche negato di avere tendenze omosessuali, e anzi di avere intenzione di metter su famiglia.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Margot Ovani e Maxi Lopez, un amore proto a sbocciare Successivo Matelica, molestie agli studenti Il prof: "Innocente, fatemi insegnare"