Scopre sul web il tradimento della moglie. Va dal rivale e lo minaccia con la pistola

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Macerata, 12 novembre 2014 – ACCECATO dalla gelosia, dopo aver scoperto grazie a Facebook la relazione extraconiugale della moglie, si è presentato davanti alla ditta dove lavora il rivale e l’ha minacciato con una pistola. L’episodio, sembra incredibile, è accaduto proprio a ridosso della giornata di San Martino, santo a cui la tradizione attribuisce da sempre la protezione per i coniugi traditi. I fatti sarebbero avvenuti lunedì pomeriggio a Monte San Giusto.

Il protagonista è un cinquantacinquenne siciliano, originario di Enna ma da tempo residente in provincia di Torino. Da alcuni indizi lasciati sul social network Facebook da sua moglie, una quarantottenne, lui aveva ritenuto che la donna avesse una relazione con un morrovallese che lavora in una ditta di pellami a Monte San Giusto. E da buon siciliano, non ha potuto lasciar correre di fronte a questo affronto. Così l’uomo, accecato dalla gelosia peggio di Otello, avrebbe preso la sua pistola e sarebbe sceso dal Piemonte nel Maceratese.

Arrivato qui, ieri pomeriggio si sarebbe piazzato davanti alla ditta del rivale in amore, e estraendo la pistola avrebbe iniziato a minacciare: «Esci fuori, ti ammazzo». A QUEL punto sarebbe successo un clamoroso parapiglia, e subito qualcuno ha pensato fosse meglio chiamare i carabinieri prima che fosse troppo tardi e la situazione precipitasse. Ma all’arrivo della pattuglia, il siciliano si era già dileguato, per fortuna senza far male a nessuno. Sono bastati pochi accertamenti per capire chi fosse, e per lui è partita una denuncia a piede libero per minaccia aggravata. La scenata clamorosa ha fatto molto discutere a Monte San Giusto, anche se i contorni della vicenda sono ancora poco chiari. Sull’accaduto comunque saranno svolte ulteriori indagini. 
 



 

Precedente FABRIANO - Ex Ardo: "Risposte concrete o marciamo su Roma" Successivo FABRIANO -Arrivano gli alloggi per famiglie disagiate-