Scuola Marche, i nuovi presidi vengono dalla Campania: ecco chi sono

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ancona, 8 ottobre 2015 – Hanno preso formalmente servizio oggi i nuovi cinque dirigenti scolastici nominati nelle Marche grazie alla legge sulla “Buona Scuola”. Questa prevede infatti una procedura annuale per la copertura di una quota dei posti di dirigente scolastico rimasti vacanti e disponibili dopo le operazioni di mobilità con l’assunzione di candidati idonei inclusi nelle graduatorie del concorso indetto nel 2011 di altre regioni che non siano stati ancora immessi in ruolo.

I cinque nuovi capi d’istituto provengono, in questo caso, dalla graduatoria degli idonei della regione Campania e sono stati convocati nei giorni scorsi dall’Ufficio scolastico regionale per la scelta della sede di destinazione. Sono, per la provincia di Ancona, Pino De Stavola, cui è stato affidato l’Istituto Comprensivo “Falconara Centro” di Falconara Marittima, e Rita Maddaloni, posta a capo dell’Istituto Comprensivo di Cerreto d’Esi. All’Ipsia “Corridoni” di Corridonia è stata incaricata Francesca Varriale, mentre all’Istituto Comprensivo di Montegranaro è stata nominata Teresa Santagata. Infine, Antonella Spadaccio ha optato per la Direzione Didattica “San Lazzaro” di Fano.

“Ai nuovi dirigenti – ha dichiarato il direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale, Maria Letizia Melina – voglio rivolgere un caloroso benvenuto nella nostra regione e un sincero augurio di buon lavoro in un momento in cui la riforma in atto assegna proprio ai capi di istituto nuove e più impegnative responsabilità, in una grande sfida di cambiamento che necessita di una alleanza formativa forte, stabile e radicata tra tutti coloro che, anche a titolo diverso, sono impegnati nella formazione dei nostri giovani”.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Fabriano - I tombini si otturano: si teme l’alluvione vicino alla materna Successivo FABRIANO - PARIANO CHIEDE L’INSTALLAZIONE DI ALTALENE PER BAMBINI DIVERSAMENTE ABILI NEI PARCHI PUBBLICI CITTADINI