I semafori del sesso sulle case di squillo e trans

semafori sesso

MONTEMARCIANO – Quartiere a luci rosse nel villaggio “Il Gelso” dove prostitute e trans si sono organizzate con insegne al led con la scritta “aperto” nelle abitazioni. I residenti dopo varie segnalazioni alle forze dell’ordine e una denuncia anche alla Guardia di Finanza, chiedono ora l’intervento della stampa. “La situazione è diventata insostenibile – racconta il pensionato che, essendo arrivato anche alle mani con un trans, chiede di mantenere l’anonimato fornendo però copia di una denuncia sporta alla Guardia di finanza -, la sera c’è la coda in strada, adesso si sono inventati anche le insegne poi si mettono quando fa caldo sui balconi mezze nude a farsi vedere e d’inverno invece dietro la finestra come fossero in vetrina. Sembra di stare ad Amsterdam solo che lì lo possono fare qui non dovrebbero. Abbiamo contattato anche i proprietari degli appartamento affittati alle prostitute e ai trans, dicono che pagano puntuali e bene, 500 euro a settimana, e noi che abbiamo comprato casa tanti anni fa dobbiamo vivere in mezzo a questo schifo”.

FONTE IL CORRIERE ADRIATICO

Precedente Morto Baiocchi, il tifoso dell'Ascoli colpito da emorragia cerebrale dopo il match con la Pistoiese Ha donato gli organi Successivo Sel lascia la maggioranza: Nella Brambatti al capolinea