Senigallia, malore fatale: pescatore muore a 31 anni

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Senigallia, 20 gennaio 2015 – E’ crollato all’interno della sua abitazione domenica mattina. E’ riuscito a fare soltanto pochi passi e quindi è caduto a terra mentre si stava vestendo per uscire. Doveva recarsi come tutti i giorni al porto, a dare un’occhiata alle reti e sistemarle per la settimana di pesca.

Inutili i soccorsi per il 31enne pescatore Shibly Mohammed Rashidul Hasan, originario del Bangladesh ma residente da qualche tempo in città, in una abitazione in via Sanzio. Quando i sanitari del 118 sono arrivati sul posto, ormai il cuore del giovane aveva smesso di battere ed ogni tentativo di rianimarlo è risultato vano.

A quanto risulta, Mohammed Rashidul avrebbe nei giorni scorsi rifiutato di ricoverarsi in ospedale, dopo che era stato visitato dai medici del Pronto soccorso. I colleghi hanno raccontato che non si sentiva bene e proprio nel fine settimana era andato a farsi visitare al Pronto soccorso; qui la diagnosi sarebbe stata una infezione polmonare. Ma il cingalese non aveva voluto farsi ricoverare, probabilmente per la paura di perdere giornate di lavoro in mare.

Così, nonostante il parere dei sanitari era tornato a casa. Incredulità tra i colleghi che hanno appreso la notizia e tra quanti frequentano il porto, dove la presenza di Shibly Mohammed era diventata ormai abituale. Da una decina di anni lavorava infatti con i pescatori senigalliesi.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Amministrazione Brambatti al capolinea: maggioranza verso le dimissioni Successivo Filottrano, il dipendente comunale e bassista Renzo Galizia si ribalta con l'auto