Sentito il 19enne con la spranga. "Ho soltanto difeso mio padre"

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Civitanova, 3 luglio 2015 – È stato interrogato dalla polizia il 19enne accusato di avere preso a sprangate Fabio Burgio durante una lite scoppiata in via Verga martedì pomeriggio, per questioni condominiali. La versione che il giovane ha fornito è opposta a quella del responsabile dell’emittente web Radiocitylight. Con i poliziotti ha ammesso di aver picchiato a colpi di spranga, ma di avere agito lui in difesa di suo padre che stava per essere aggredito.

Le testimonianze di chi ha assistito alla scena, raccolte dagli agenti del commissariato, arrivati in via Verga quando tutto si era già concluso, sono discordanti e non contribuiscono a fare chiarezza sulla dinamica della litigata che però vede nella veste di vittime Fabio, finito al pronto soccorso con lesioni al costato, e soprattutto suo padre Filippo, pensionato di 72 anni, che da martedì sera è ricoverato in gravissime condizioni nel reparto rianimazione dell’ospedale perché colpito da infarto dopo l’accaduto, probabilmente per lo choc. Il 19enne, originario di Napoli, alla polizia ha raccontato di una litigata tra quattro persone nel piazzale davanti al condominio di via Verga, dove tutti abitano.

Galeotti dissapori tra vicini, che vanno avanti da tempo. Le due versioni sono state inoltrate dal commissariato in Procura e nel fascicolo c’è la denuncia che i Burgio, assistititi dall’avvocato Fabio Passarini, hanno depositato e in cui riferiscono invece di un raptus violento del giovane napoletano che oltre alla spranga avrebbe anche mostrato un coltello e lanciato minacce.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Fabriano - In fila all'ospedale perde la pazienza e rompe una vetrata Successivo Le opposizioni vanno dal prefetto: "Il Comune è intervenuto in ritardo"