Sequestro da 300mila euro al 63enne accusato di usura

tmp_22298-guardia-di-finanza847973990

IL BORGHIGIANO FABRIANO © IL BLOG – SEQUESTRATI quasi 300 mila euro al 63enne fabrianese S.R. accusato di usura e attualmente in regime di arresti domiciliari. Il giudice ha disposto la confisca di 66 mila euro in contanti e 227 mila in depositi bancari in seguito ad un’approfondita indagine della guardia di finanza che ha cercato di ricostruire il giro d’affari dell’imprenditore commerciale fabrianese. Diversi i testimoni e le presunte vittime ascoltati dalle Fiamme gialle che sono andati a fondo nella lunga inchiesta in coda alla quale si sarebbe evidenziata una forte sproporzione tra i redditi dichiarati dall’uomo e le somme da lui possedute.
E PROPRIO dalla lunga serie di investigazioni è emerso come l’imprenditore avrebbe avuto un’attività parallela a quella professionale particolarmente fruttifera. Il sospetto, infatti, è che il numero dei clienti, gran parte dei quali della zona di Fabriano e delle immediate vicinanze, sia costantemente cresciuto nel tempo in modo da mettere in piedi un sistema altamente profittevole. I finanzieri non si sono soffermati solo il modus operandi dell’uomo che si sarebbe appunto interfacciato con molti clienti ma anche i tassi applicati. In alcuni casi, secondo gli inquirenti, si sarebbe addirittura arrivati al raddoppio della cifra in dodici mesi, in pratica tassi annuali del cento per cento.
(FONTE IL RESTO DEL CARLINO a.d.m)

Precedente Ascoli, a S.Emidio il Palio degli Arcieri Porta Solestà vince la Brocca d'Oro Successivo Delitto nel bosco, dal cellulare di Ambera l'sms trappola per Ismaele