Serrapetrona spalanca le porte delle cantine: è tempo di ‘Appassimenti’

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Serrapetrona (Macerata), 7 novembre 2014 – Torna “Appassimenti aperti”, in scena domenica e quella successiva, il 16, a Serrapetrona, incastonata sui Sibillini e tinta d’autunno. Le cantine spalancano le loro porte: suggestive pareti di grappoli, appesi ad appassire appunto, saranno lo scenario del tour.

Dalle 14 alle 19 i visitatori, trasportati da un servizio navetta gratuito, saranno accolti dagli storici produttori, che narreranno le gesta delle aziende vinicole locali. Ad aprire le danze alle 10 sono le degustazioni in piazza, per celebrare degnamente un’eccellenza enologica nostrana, il vitigno autoctono Vernaccia Nera, e per assaggiare l’eleganza di un vino che si accosta tanto ai primi piatti quanto a diversi tipi di carni, arrosto, grigliate, bollite e selvaggina.

Il centro sarà animato anche dalle bancarelle del mercatino artigianale artistico, applicando la formula vincente degli altri anni.

I protagonisti alla corte della regina Vernaccia saranno quattro: Alberto Quacquarini, Lanfranco Quacquarini, Tenuta Colli di Serrapetrona e azienda agricola Colleluce. Negli “Appassimenti”, dove l’uva riposa raccolta in cassette o pendente dai graticci, sveleranno tutte le curiosità su questo spumante rosso naturale, tra i più difficili da produrre. In soli 70 ettari vitati.

L’appuntamento, organizzato dall’Istituto Marchigiano di Tutela Vini e dei Comitati di tutela della Vernaccia di Serrapetrona docg e del Serrapetrona doc, è giunto alla nona edizione registrando un crescente successo di pubblico. La vernaccia di Serrapetrona è stata la prima docg (marchio di denominazione di origine controllata e garantita) delle Marche ed è legata indissolubilmente alla propria terra natale.



 

Precedente Ferrovia, l’ultima sfida. Quattro sindaci in lizza per il MasterChef dei binari Successivo Pompe funebri e appalti truccati, perquisizioni della Mobile anche a Civitanova