Sgarbi sceglie di nuovo Jesi con la «Vedova Allegra» di Lehàr

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Jesi (Ancona), 18 febbraio 2015 – Il critico d’arte Vittorio Sgarbi sceglie due volte Jesi: curerà la regia di un’opera lirica e una mostra sull’imperatore «jesino» Federico II. Sgarbi ha criticato aspramente Ancona nei mesi scorsi in più occasioni. Arrivando a definire Jesi «capitale regionale della Cultura», in contrapposizione al capoluogo. Ora Sgarbi sceglie di nuovo Jesi, metterà in scena «Vedova Allegra» di Lehàr l’11 e 13 dicembre prossimi, nell’ambito del nuovo cartellone lirico integrato Jesi-Ancona.

Sgarbi, ci ha ripensato su Ancona? L’aveva criticata aspramente ma ora curerà la regia di uno spettacolo che è nel cartellone Jesi-Ancona.. L’avrebbe fatto anche nel capoluogo?

“Sì, non ho pregiudiziali. Se il sindaco di Ancona vorrà chiamarmi non mi tirerò certo indietro. Di fatto però ho curato una mostra a Fabriano che ha registrato 75mila visitatori («Da Giotto a Gentile») e il 22 dicembre ne curerò proprio una a Jesi sull’imperatore Federico II».

Di cosa si tratta?

“Si intitolerà ‘Le arti al tempo di Federico II’. Sarà una bellissima mostra con cinquanta opere importanti del tempo dell’imperatore nato a Jesi in una tenda nella piazza che si trova davanti alla sede della mostra, il 26 dicembre del 1194. Ci saranno sculture murature e affreschi».

E come nasce?

“Ho accettato volentieri l’invito dell’imprenditore Gennaro Pieralisi che sta costruendo un museo virtuale su Federico II. A me non piacciono molto le cose virtuali. Così ho pensato che si potesse avviare il museo con questa nuova mostra, proprio in concomitanza con l’anniversario della nascita dello stupor mundi. Pr la provincia di Ancona dopo Fabriano spero che tanti visitatori verranno a Jesi”.

 



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Le firme ora sono arrivate a 9 Il destino di Brambatti legato al Pd Successivo Due auto si scontrano Una finisce nel fosso