Si accascia in fabbrica davanti ai colleghi: operaio muore a 38 anni

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Loreto (Ancona), 30 ottobre 2014 – Si accascia a terra e muore mentre è al lavoro in fabbrica. Aveva trentotto anni Fabio Donnini, operaio residente a Castelfidardo che stamattina attorno alle 10 è spirato nell’azienda dove lavorava, la Bipiemme in via Brecce a Villa Musone di Loreto, ditta che produce circuiti stampati.

All’improvviso il 38enne si è sentito male. E’ caduto a terra davanti agli occhi attoniti dei suoi colleghi che in preda alla disperazione hanno subito chiamato i soccorsi. Vano l’intervento dei sanitari giunti a sirene spiegate dal vicino ospedale Osimo: l’operaio è morto poco dopo. Sul posto anche una pattuglia dei carabinieri della stazione locale. All’inizio si pensava a un fatale incidente sul lavoro ma la causa della morte del fidardense è stata del tutto naturale. Donnini lascia nel dolore la giovane moglie e una città intera a piangerlo.



 

Precedente FABRIANO -UMIDITA' ABITAZIONI LOC. CA' MAIANO- di Claudio Biondi Successivo «Stuprata e lasciata in strada». Notte folle, in due a giudizio