SI ACCELERA PER IL BYPASS DI ALBACINA

Fonte: Il Corriere Adriatico

Soddisfazione per l’annuncio dell’apertura dello svincolo. “Pressing su Quadrilatero”

Fabriano

“Il rispetto dei tempi ci fa guardare avanti con rinnovato ottimismo. E l’apertura di uno svincolo per Albacina contribuirà al ripristino dell’anormale circolazione viaria, ponendo fine a disagi notevoli in una zona cruciale del nostro territorio”. L’operazione Quadrilatero prosegue a ritmo serrato e il sindaco Giancarlo Sagramola ha motivi concreti per osternare soddisfazione. Dal tour del governatore Gian Mario Spacca, dei vertici della Quadrilatero e delle ditte impegnate nei cantieri del raddoppio della statale 76 è emerso che i lavori continuano secondo la tabella di marcia prestabilita, a testimonianza della forte volontà di realizzare un’ infrastruttura viaria fondamentale per lo sviluppo del Fabrianese e del vasto comprensorio. “in merito alla tempistica -osserva Sagramola- siamo a cavallo e questo è molto importante. Se si riuscisse a rispettare il cronoprogramma fino in fondo, sarebbe certamente un grande successo. E’ quanto speriamo, tanto più che come Comune seguiamo i lavori dell’impresa, attraverso un responsabile apposito. Naturalmente, ci muoviamo sempre con il giusto spirito di collaborazione, non certo con volontà sanzionatoria. E’ doveroso, da parte nostra, monitorare tutte le operazioni, affinché si possano rispettare i tempi prefissati per la conclusione dell’opera”. Per il nostro territorio assumerà un’importanza notevole l’aperura di uno svincolo per Albacina entro la fine di gennaio, visto che da alcuni mesi ormai tutti coloro che provengono da Serra San Quirico, Sant’Elia, San Giovanni e altre località del Fabrianese e si recano al lavoro ad Albacina, Cerreto d’Esi, Matelica e oltre sono costretti a uscire a fabriano est e percorrere la strada delle Serre, allungando il tragitto di almeno dodici chilometri. Non é un caso che la problematica sia stata spesso oggetto di discussione in consiglio comunale e non solo, basti pensare agli interventi di Silvano D’Innocenzo (Pdl) Claudio Biondi (DC per le autonomie), tutti finalizzati a trovare una soluzione in tempi rapidi. “Abbiamo premuto molto sul presidente della Quadrilatero Gaetano Galia e sulla Dirpa -spiega Sagramola- affinchè non si aspettasse la primavera pe rporre rimedio a una situazione di notevole precarietà. Adesso che ci dicono che verrà aperta una via laterale della statale 76 per Albacina a gennaio, non possiamo che essere soddisfatti”.

Precedente Il Sindaco Sagramola -Non siamo più un isola felice- Successivo Artigiani chiedono la riduzione dell'IMU