Si infila con l’auto nella pista ciclabile: sfiorata la tragedia

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli, 20 giugno 2015 – Ha rischiato davvero grosso il conducente della Chevrolet che ieri, dopo le 13,00 si è infilata tra il muro di cinta delle abitazioni e la barriera di protezione della pista ciclabile lungo via Morosini, che costeggia a ovest il vecchio stadio Ballarin. La vettura, proveniente dalla rotatoria non ha fatto la semicurva che immette in via Morosini ed è andata direttamente dentro il marciapiede che è canalizzato tra muro e protezione. Ha percorso una decina di metri strisciando contro il muro poi ha sfondato la rete di protezione. Solo per miracolo il tubo che fa da passamano e sostegno superiore alla protezione metallica non si è infilato nell’abitacolo della vettura, lasciando indenne il conducente che è riuscito a sfilare l’utilitaria, seppur malconcia e ad andare via. Qualcuno l’ha visto scendere dall’auto con passo piuttosto insicuro, dopo il colpo ricevuto. I passanti hanno chiesto l’intervento delle forze dell’ordine e sul posto è arrivata una pattuglia della polizia stradale di San Benedetto che ha eseguito i rilievi, per quanto possibile, poiché l’auto non c’era più. Un cittadino ha annotato la targa e i poliziotti si sono recati a casa del proprietario della vettura, ma non hanno trovato nessuno.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Civita Center, monumento all’abbandono Successivo San Benedetto, fermati sul lungomare ​ automobilisti ubriachi e drogati