Sieropositivo dopo una trasfusione: maxi risarcimento da 2 milioni

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Civitanova Marche (Macerata), 5 settembre 2014 – Sieropositivo a causa di una antitetanica, fatta 21 anni fa, un civitanovese dovrà essere risarcito con poco meno di due milioni di euro dal ministero della Salute.

Lo ha deciso il tribunale di Ancona, accogliendo il ricorso dell’uomo, che ora vive a Camerino. In seguito a un incidente stradale, nel 1993 al civitanovese vennero iniettati emoderivati che però gli trasmisero l’Hiv. Debilitato e immunodepresso, ha contratto delle infezioni che lo hanno reso invalido e cieco.

Ma la sentenza, depositata ad agosto, riconosce le sue ragioni sulla base di tre perizie. Ma lui, con gli avvocati Monti e Petracci, annuncia l’appello perché la cifra è troppo bassa rispetto al danno subito e alle sofferenze patite.



Precedente Delitto Sarchiè, il perito: "Ucciso con una pistola calibro 38 special" Successivo Cuccioli di cinghiale e capriolo uccisi e scuoiati, l’ombra del bracconiere sul Parco