Sisma – 31 Chiese chiuse: la triste e preoccupante conta nelle Marche

chiese terremoto

IL BORGHIGIANO IL BLOG DI FABRIANO E DELLE MARCHE – Qual è il fine, qual è il voler sincero e l’intenzione vera della natura?». Probabilmente oggi Giacomo Leopardi se lo domanderebbe di nuovo, mentre anche la Pinacoteca civica e diocesana di Visso, che ospita il Museo dei manoscritti del poeta, accusa i terribili colpi che il sisma del 24 agosto ha assestato al Centro Italia.

Le Marche, oltre a piangere le vittime di Arquata e Pescara del Tronto, fa oggi i conti con una dura realtà, già tristemente vissuta nel terremoto del 1997: la chiusura delle chiese e le lesioni ai numerosi edifici religiosi che costituiscono, per tutto il territorio, dal Pesarese al Piceno, un patrimonio culturale immenso, nonché una>>>>>>>>>>CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO PUBBLICATO DA  Francesca Cipolloni su Emaus

(foto Luca Maria Cristini)

 

Precedente Trema ancora la terra. Scossa di magnitudo 3,7 Successivo San Benedetto, armata di coltello una minorenne semina il panico