Spaccano il finestrino dell’auto e rubano il borsello mentre c’è la messa

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Macerata, 10 agosto 2015 - Vanno alla messa delle 11 e nel giro di due minuti si ritrovano con il vetro dell’auto spaccato e privi del borsello che conteneva documenti e carte di credito.

È successo a Giorgia Tuschini e a suo marito, residenti alle Vergini. Ieri mattina, la coppia, che aveva con sè la figlia di quasi due anni, ha parcheggiato l’auto dietro la chiesa del quartiere. La messa era iniziata da qualche minuto quando il marito di Tuschini si rende conto di aver lasciato il borsello nell’auto. Torna nel parcheggio e trova l’amara sorpresa. «Lo sportello era stato forzato – dice Tuschini – poi, evidentemente, vedendo che non si apriva, hanno rotto il vetro e portato via il marsupio. Per fortuna non c’erano soldi».

Avrebbero, però, potuto rubare tutto il resto. «Nell’auto – continua Tuschini – c’erano anche il mio cellulare, il navigatore e due regali per il matrimonio, un aspirapolvere e un attrezzo da cucina».

La coppia infatti, già sposata in Comune, ripeteranno il fatidico «sì» venerdì, e proprio in quella chiesa. «Per fortuna che abbiamo già sbrigato tutte le pratiche per il matrimonio – spiega Tuschini – e che ora i documenti non ci servono subito. In ogni caso, i carabinieri ci hanno rilasciato il foglio sostitutivo».

Tuschi e il marito sono andati a vivere in quella zona poco meno di un anno fa. «Ci avevano detto che questo è un quartiere tranquillo, ma non mi sembra che sia vero – sottolinea – . Sono in molti a lamentarsi dei furti qui, soprattutto quelli all’interno degli appartamenti, basta leggere Facebook per vedere quanti commenti ci sono al mio post. Per quanto riguarda l’episodio che è accaduto a noi, ciò che stupisce è la velocità d’azione dei ladri, che hanno agito al massimo in due minuti. È ridicolo andare a messa e ritrovarsi l’auto in quelle condizioni».

 

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Candele, l’evento è già ‘sold out’, ma incombe l’incognita piogge Successivo La vittoria all’ultimo Secchio: sedicesima gioia per San Martino