Spaccia droga in pausa pranzo, arrestato operaio del porto

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ancona, 7 maggio 2015 – Nella tarda mattinata di ieri i poliziotti della Squadra Mobile hanno arrestato G.R., anconetano di 52 anni, operaio del porto di Ancona. L’uomo, che lavora in una ditta dell’area portuale, era solito dedicarsi allo spaccio di droga durante la pausa pranzo. Incontrava i suoi acquirenti in un vicino bar e lì, in base alle richieste, li riforniva dello stupefacente richiesto.

Erano diversi giorni che gli investigatori tenevano d’occhio l’operaio. Ieri gli agenti della Sezione antidrogra si sono appostati tra le siepi del Duomo di San Ciriaco sin dalle prime ore del mattino, riuscendo ad osservare con potenti binocoli gli spostamenti dell’uomo già da quando entrava nella struttura lavorativa. Altri lo hanno aspettato fuori dalla ditta dove lavora, fino a quando è iniziata la pausa pranzo e gli operai si sono cominciati a dirigere nei bar vicini. Per G.R. è scattata immediatamente la perquisizione personale sul posto. Nel suo borsello avevav qualche grammo di hashish.

Successivamente i poliziotti della Mobile lo hanno fatto salire in macchina per accompagnarlo nella sua abitazione dove, durante la perquisizione domiciliare, è stato trovato, in un cassetto di un mobile, oltre un etto di hashish ben custoditi dentro un borsellino in cordura. All’interno erano nascosti anche 500 euro in banconote da 50, ritenuto provento della fiorente attività di spaccio.

Oltre alla droga e al denaro gli agenti hanno scoperto in casa un bilancino di precisione e tre coltelli usati per tagliare lo stupefacente. Su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, l’uomo è stato arrestato e trattenuto nelle celle di sicurezza della Questura a disposizione dell’autorità giudiziaria per il procedimento direttissimo di questa mattina. Processo rinviato: l’uomo è momentaneamente libero.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Fabriano - I Post del Borghigiano e il Fabrianese coprono 100 nazioni nel mondo Successivo Pagamenti ai privati il doppio gioco degli enti pubblici