Stadio, la tribuna est in stile Modena pronta per il campionato 2016/2017

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli, 16 giugno 2015 – Castelli conferma gli impegni e presenta come sarà la nuova tribuna Est, sullo stile dello stadio di Modena: sarà pronta per il campionato 2016/17. Il sindaco butta acqua sul fuoco della polemica sulla questione Del Duca, che in questi giorni ha tenuto banco soprattutto per i mal di pancia della società che non ha gradito l’allungamento dei tempi per il nuovo settore est.

Il primo cittadino è partito dalle certezze, che ad oggi sono la licenza di agibilità dello stadio (ottenuta proprio ieri) per 19.029 posti, tribuna est esclusa, e la gara per il mutuo da 2,5 milioni che si terrà giovedì. Castelli ha ricordato il lavoro portato avanti nei mesi invernali, quando si è proceduto a tutta una serie di indagini per arrivare, oggi, all’ottenimento dell’agibilità. Sul fronte degli spalti, ad aprile si è aperta la questione della tribuna scoperta: «Da aprile ci siamo messi al lavoro – ha detto il sindaco – e abbiamo individuato tre soluzioni sulla base dei modelli di Pescara, Modena e Udine. L’Ascoli Picchio il 14 maggio ci ha indicato Modena come ipotesi più gradita e da quel giorno stiamo lavorando in questo senso. A metà luglio contiamo di inviare al Coni, per il parere, il progetto preliminare. Non ci sono mai stati dubbi sulla realizzazione, ma solo sui tempi. Ho provato a fare lo Speedy Gonzales ma non ci sono riuscito. Per il mutuo la gara sarà bandita giovedì e per venti giorni chiederemo alle banche i soldi necessari; però nel frattempo abbiamo dovuto attendere la certificazione del Ministero dell’Economia del rispetto del patto di stabilità 2014, arrivata a fine maggio, condizione necessaria per procedere con il mutuo. Fatto questo la società dovrà dirci se è d’accordo». A quel punto si comincerà a fare sul serio.

Daniele Luzi



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Anziana investita da un’auto pirata, nessuno la soccorre Successivo Civitanova, peschereccio affondato Recuperato il relitto dello Sparviero