Sterpaglie a fuoco, la pista del dolo

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Porto San’Elpidio, 12 aprile 2015 – Un incendio ha divorato un’area verde abbandonata di circa quaranta metri quadrati, situata nella zona di via Gabbie, a Porto Sant’Elpidio. Le fiamme sono divampate ieri verso le 18.30 in un’area privata situata lungo viale Europa.

Si tratta di un’area su cui si trovano due edifici dismessi di proprietà di una donna di Montegranaro, intestataria di una società di compravendita di immobili. Lo spazio arso dalle fiamme, che circonda i due edifici e conduce verso il mare, è del tutto abbandonato, invaso da rifiuti e vegetazione selvaggia. L’allarme è stato lanciato da alcuni passanti, impauriti dalle alte fiamme che salivano dalle sterpaglie. Il fuoco ha preso origine da est e molto velocemente si è propagato verso la strada.

L’intervento tempestivo dei vigili del fuoco di Fermo ha permesso di arginare l’incendio, impedendo che questo causasse dei danni a persone o cose. Sul posto per i rilievi del caso e le prime indagini è intervenuta la polizia locale di Porto Sant’Elpidio. È molto probabile che l’origine dell’incendio sia dolosa. Difficile infatti trovare una causa scatenante, se non una mano ignota, anche se sul posto non sono state trovate tracce di materiale infiammabile. La zona bruciata dalle fiamme, infatti, è nota ai più come un nascondiglio di sbandati e di tossici.

Paola Pieragostini



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Patrizia Terzoni - Corpo Forestale: Nelle Marche non possiamo farne a meno Successivo Dieci fratelli raccontano la loro vita: ‘La famiglia-tribù ha i suoi vantaggi’