Stop ai furbetti delle strade: telecamere per identificare i veicoli non a norma

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

San Benedetto, 8 settembre 2015 – Dopo il ‘Vista Red’ all’incrocio fra via San Martino e via Pizzi, arriveranno pure le telecamere di rilevazione delle targhe che consentiranno alla Polizia Municipale di individuare i veicoli non revisionati e non assicurati. Si tratta, in particolare, di tecnologie di rilevazione automatica delle targhe dei veicoli in transito, sviluppate da diverse aziende, che saranno utilizzabili durante i controlli su strada e che funzionano attraverso una postazione di lettura formata da una telecamera (fissa o mobile) di lettura targhe, un software di gestione che collegandosi alla banca dati del Ministero dei Trasporti verifica lo stato del veicolo e, nel caso esso sia segnalato come non assicurato/revisionato, invia le immagini del veicolo segnalato ad una postazione di lettura. Dove esattamente saranno posizionate non è chiaro. Trattandosi di dispositivi fissi o mobili è probabile che seguiranno le postazioni di controllo decise di volta in volta dalla Municipale. Al momento vi è solo una proposta di deliberazione alla giunta comunale che è apparsa ieri sull’albo pretorio del Comune e che prevede un impegno di spesa massimo di 15mila euro, già previsto nel bilancio corrente dell’ente, da indirizzare proprio all’acquisto di queste nuove tecnologie. «La tecnologia – ha riferito l’assessore alla viabilità Luca Spadoni – ci consente, oggi, attrezzature in grado di fare determinati tipi di rilevazioni. La linea dell’Amministrazione è improntata alla sicurezza stradale e dunque con questa ulteriore iniziativa proseguiamo sull’indirizzo già intrapreso con il posizionamento del Vista Red all’incrocio fra via San Martino e via Pizzi, incrocio particolarmente pericoloso». Per la precisione il Vista Red installato lo scorso dicembre ha già registrato, almeno fino al mese di giugno, ben 1800 infrazioni. Infrazioni che vengono multate per 170 euro qualora venga registrato che il veicolo ha superato l’incrocio col semaforo rosso. Con i nuovi strumenti, adesso, si andranno ad accertare anche mancate revisioni o mezzi non assicurati. Nel corpo della proposta di deliberazione, il responsabile del procedimento Piergiorgio Federici, riporta «da uno studio effettuato dall’associazione nazionale imprese assicuratrici, oltre 3 milioni di veicoli in circolazione su strada sono sprovvisti di assicurazione; secondo i dati Consap (che gestisce il Fondo Garanzia Vittime della Strada) i sinistri che annualmente coinvolgono onesti cittadini vittime della strada sono 25.000, cioè un incidente ogni 200 veicoli non assicurati ovvero un incidente ogni 4000 veicoli in circolazione».

Sabrina Vinciguerra

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Fabriano - Al cimitero di Serradica e Cacciano infiltrazioni, crepe, fori, gradini rotti e pericolanti Successivo Bus, biglietti più cari. La Casini contro Castelli: «Nessun obbligo di aumento»