Strada Clementina, spunta un altro lucchetto

strada clementina

IL BORGHIGIANO IL BLOG DI FABRIANO E DELLE MARCHE  – SPUNTA una seconda sbarra protettiva sulla strada Clementina a rendere ancora più evidente il divieto di pubblica fruizione. Proprio in questi giorni sono state fortificate le barriere su quei tre chilometri tra Genga e Serra San Quirico, ormai da anni gestiti dai cavatori per effetto della convenzione stipulata con le istituzioni, in primis il Comune di Serra San Quirico. Secondo il comitato ‘Riprendiamoci la strada’ si tratterebbe di una sorta di risposta alla manifestazione organizzata dal gruppo dieci giorni fa quando un centinaio di coraggiosi non a caso proprio in occasione della ricorrenza di San Valentino, hanno sfidato la pioggia battente per marciare in gruppo lungo la via. In pratica l’inizio di un vero e proprio braccio di ferro sul quale il comitato non molla nel chiedere il ritorno alla pubblica fruizione della strada fatta costruire dal Papa Clemente di Genga nel 1733. Sabato alle 15 al circolo Fenalc di Valtreara di Genga il gruppo organizza un’assemblea pubblica propedeutica con ogni probabilità a nuove iniziative per un riconsegnare totalmente la strada alla collettività. In realtà ad oggi l’ipotesi più probabile sembra quella di negoziare con l’aiuto delle istituzioni per ottenere un compromesso con i cavatori, ovvero almeno lasciare aperta a tutti la strada nei fine settimane e renderla fruibile anche in caso di emergenze per gli incidenti lungo la Statale 76 che purtroppo si verificano fin troppo spesso. Notizia riferita da Alessandro Di Marco IL RESTO DEL CARLINO

Precedente San Benedetto, coppia travolta da un'auto finisce all'ospedale Successivo Ascoli, all'istituto agrario Ulpiani un laboratorio per degustare il vino