Strage di Parigi, quelle parole necessarie

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Macerata, 15 novembre 2015 – «Sono assassini due volte. In cinque minuti hanno ucciso degli innocenti e distrutto quello che facciamo noi per l’integrazione». Sono inequivocabili le parole di Mohamed Tarakji, imam maceratese, per condannare la strage di Parigi. E importanti.

Per una comunità piccola come la nostra, ma che sta crescendo numericamente anche per l’aumentare di cittadini stranieri. Parole necessarie per cercare di arginare la paura che ora si diffonde a macchia d’olio (senza motivo?). Ma oltre alle parole servono fatti concreti, in questo caso da parte delle autorità, che devono tradursi in garanzia di maggiore sicurezza per tutti. Per non avere timori e per non guardare sempre più con diffidenza chi arriva da un altro Paese. A cominciare dai profughi che, silenziosamente e quotidianamente, raggiungono Macerata da agosto.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle

Precedente Parigi, vertice d'emergenza ad Ancona contro il terrorismo nelle Marche Successivo Occhi aperti sulla Start