Su Facebook il biglietto d’oro di Montefano. E’ il vincitore o un burlone?

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Montefano (Macerata), 22 maggio 2015 – Proprio quando si stava spegnendo il fuoco delle supposizioni sull’identità del fantomatico vincitore di 1 milione e 740 mila euro, ecco un nuovo colpo di scena: forse il protagonista è voluto uscire allo scoperto grazie all’anonimato dato da Facebook. Sul noto social network è apparso un nuovo profilo, con il nome «Bello Turistapersempre Fortunato», dando come prova d’identità la foto del biglietto vincente, quello autentico stavolta. Come foto copertina c’è invece la foto dell’articolo uscito sul Carlino circa due settimane fa. Si tratta di una gioia incontenibile oppure di uno scherzo? Forse troppo elaborato per un gioco, dato che la foto del biglietto sembra autentica e corrisponde perfettamente alla fotocopia dell’originale. Forse il vincitore non ha proprio saputo trattenersi e, non potendo urlare la sua fortuna dalla finestra, ha cercato perlomeno un compromesso di notorietà. Di sicuro le richieste di amicizia sono destinate ad avere un brusco decollo. Per ora l’anonimo scrive che: «Il tecnico di mia fiducia mi ha confermato che ai primi di giugno arriveranno i soldi!», e per chi temeva che non si ricordasse dei meno fortunati assicura: «Comunque, cari amici montefanesi, ho pensato, su consiglio del mio tecnico, di fare anche un pò di beneficienza!! In segreto naturalmente!!!!!». Non mancano nemmeno foto di valigie piene di banconote da 500 euro e l’aggiunta dell’informazione di essere sposato. Al che qualcuno nei commenti ironizza sulla doppia fortuna, chiedendo però anche una mano. Proprio come pensato, una volta che si sa della fortuna di qualcuno iniziano le prime richieste. Ma per il momento l’ipotetico vincitore sorride e sorvola, protetto dall’anonimato donato da uno schermo.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Ubriaco minaccia di uccidere compagna e quattro figli, arrestato Successivo Piove dentro l'istituto Genga. La protesta corre sulla rete