«Subito la questura Commissariato e stradale nel palazzo ex Cops»

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Fermo, 22 febbraio 2015 – La Consap (Confederazione sindacale autonoma di polizia) torna con fermezza a chiedere l’istituzione della questura di Fermo e lo spostamento del commissariato nell’ex centro studi Cops. Lo ha fatto in Regione, dove una delegazione della segreteria di Fermo, composta dal segretario generale provinciale Amedeo Cerqua, il vice segretario Fabrizio Cecati, i componenti sindacali Nello Re e Angelo Lambiase, ha incontrato l’assessore alle Politiche sociali Paola Giorgi. A quest’ultima è stata illustrata l’attuale situazione della polizia nella provincia di Fermo, rappresentando che la sicurezza nel corso degli anni è venuta sempre più meno, sino ad arrivare agli ultimi episodi avvenuti a Porto San Giorgio: la rapina a mano armata ai danni dell’esercizio commerciale “Acqua e Sapone” e l’accoltellamento di un pizzaiolo ad opera di due extracomunitari.

«La prospettiva degli anni passati a seguito dell’istituzione della provincia di Fermo – ha spiegato Cerqua – era quella di avere una questura come la vicina Ascoli Piceno. Purtroppo, come i figli di un Dio minore, siamo ancora in attesa non solo della questura ma di personale, che era stato assegnato appositamente dal Ministero ed invece è stato sottratto dall’attuale questore per le sedi di Ascoli e San Benedetto del Tronto. Tutti i giorni le principali testate giornalistiche riportano fatti di cronaca: reati predatori, stalking, truffe, atti di violenza sia in strada che all’interno delle famiglie. A seguito di ciò la cittadinanza e i sindaci chiedono più sicurezza, ma gli apparati centrali fanno orecchie da mercante».

Cerqua ha sottolineato poi il paradosso di avere uno stabile di proprietà della Polizia di Stato e essere collocati in un immobile dove si paga l’affitto: «Il Commissariato e la polizia stradale sono ospiti in affitto in una struttura dell’Inail, mentre il Centro studi della Polizia di Stato, in fase di ultimazione, non è stato ancora destinato al suo progetto di ristrutturazione, cioè la sede della questura. Abbiamo chiesto, visto che la parola d’ordine in questa fase storica è risparmio, l’ultimazione dei lavori nel Centro e la sua assegnazione al Commissariato e alla stradale, per permettere un notevole taglio alle casse dello Stato».

Cerqua ha riferito di aver chiesto all’assessore Giorgi «di rappresentare presso l’assemblea parlamentare questa situazione in quanto la Guardia di Finanza ha già una sua nuova sede provinciale così come i carabinieri e la Forestale. L’assessore ha ben capito la situazione ed è stata lieta di poterla rappresentare nella sede istituzionale».



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Morto sotto il treno: «Aliaksei picchiato dagli zingari per aver infastidito una ragazza» Successivo Senigallia, manca il divieto di abbordare la squillo: cliente contesta la maxi multa