Svegliato da rumori in casa si trova faccia a faccia con i ladri

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Belforte (Macerata), 6 novembre 2014 – Svegliato dai rumori nella stanza accanto, si alza e si trova davanti tre ladri. Le urla del proprietario sono bastate a farli scappare, con borse, un po’ di contanti e un iPhone. Ma tanta è stata la paura martedì notte per la famiglia di via San Giorgio, alla periferia di Belforte. I malviventi hanno aspettato che i proprietari andassero a letto per entrare in azione.

All’una e tre quarti hanno fatto un foro sulla finestra e silenziosamente si sono introdotti nell’abitazione. Hanno cominciato a rovistare al piano terra e, non paghi del bottino, hanno proseguito nell’ispezione raggiungendo il piano superiore, dove ci sono le camere, contando sul fatto che la coppia stesse dormendo. Ma, senza scrupoli e molto probabilmente senza spray, devono aver fatto troppo rumore. Tanto da svegliare il padrone di casa che, alzatosi per andare a controllare, si è trovato di fronte i ladri. L’uomo, frastornato per la brutta sorpresa, non ricorda se il loro volto fosse coperto o meno. Era buio e sono scappati in pochi secondi, dallo stesso ingresso da cui erano entrati, facendo perdere le proprie tracce a bordo di un’auto.

«Non è tanto per il danno economico – ha commentato la vittima del furto – quanto per la violazione dell’intimità fino a questo punto. Agiscono indisturbati a un passo da te, senza vergogna». Ha avvisato le forze dell’ordine per le indagini del caso. L’ondata di microcriminalità sembra quindi non arrestarsi nei territori dei 5 Comuni. Solo due settimane fa in una casa di Cessapalombo, mentre i proprietari dormivano, erano stati rubati oggetti d’oro, orologi da collezione, denaro e una Golf quasi nuova. In quel caso i ladri erano stati “più accorti” e non avevano svegliato la famiglia. Ma il copione era lo stesso: colpo di notte e fori alla finestra. E la preoccupazione dei cittadini cresce.



 

Precedente Botte alla compagna incinta. Un trentenne finisce nei guai Successivo Ondata di furti: ben cinque colpi