Tagli e verità

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ancona, 31 gennaio 2016 - Cosa si usa di solito per tagliare? Le forbici. E quante lame hanno? Due. Come le verità della storia dei punti nascita.

La prima è quella della Regione. Non è tutta farina del sacco del governatore Ceriscioli, bisogna dirlo. Si parlava di soppressione dei punti nascita con meno di mille parti all’anno anche all’epoca di Spacca. Fatto sta che il processo è andato avanti, come un carroarmato. Scontrandosi con la realtà.

E qui arriva la seconda verità, quella di chi si sta opponendo con tutte le forze alla chiusura di ostetricia a Osimo e Fabriano. Sono in molti a non voler sopprimere reparti che con la loro professionalità si sono guadagnati l’interesse di centinaia di persone. Per mille motivi.

La verità, la terza che nessun taglio potrebbe mai fare a brandelli, è che tutto questo percorso sembra un po’ cervellotico. Si sceglie di chiudere i punti nascita, tra l’altro, in un momento in cui anche sul Salesi non c’è chiarezza assoluta. Andare a tentoni nei corridoi bui della giustizia amministrativa non sembra una buona soluzione. Forse vale davvero la pena riflettere. 

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Cingoli, l'auto sbanda e si ribalta Due i giovani feriti, uno è grave Successivo Economia, restiamo piccoli