Tampona l’auto del sindaco

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fermo, 2 november 2015 - BRUTTA avventura per il sindaco di Fermo, Paolo Calcinaro, che nel tardo pomeriggio di ieri è rimasto coinvolto in un incidente stradale avvenuto in piazza Ostilio Ricci, nella zona della Torretta dell’orologio. Calcinaro era alla guida della sua Golf ed era di ritorno dallo stadio. Stava percorrendo via Roma in direzione via Trevisani. Erano circa le 18, quando, per cause in corso d’accertamento da parte delle autorità competenti, la sua Golf è stata tamponata da una Lancia Y condotta da una donna di 53 anni, residente a Fermo.

L’impatto è stato violento. Ad avere la peggio è stata la conducente della Lancia a cui sono stati prestati i primi soccorsi dallo stesso Calcinaro. «È stato un attimo – racconta il sindaco – e subito dopo il colpo mi sono spaventato. Sono sceso dall’auto e sono corso dalla donna alla guida della Lancia. Era vigile, ma ho temuto il peggio per lei. Ho fatto del mio meglio per tranquillizzarla e nell’attesa dei soccorsi, ho cercato di sdrammatizzare la situazione».

Gli accertamenti delle cause del sinistro sono in corso, ma Calcinaro ha raccontato di aver rallentato l’andatura dell’auto per permettere a un pedone di attraversare la strada, che il caso vuole sia un altro nome molto noto alla città di Fermo. «Ho rallentato – racconta il sindaco – per permettere ad Angelo Ferracuti (noto scrittore e intellettuale fermano; ndr) di attraversare la strada». Ferracuti stava camminando con il suo cane.

Sul posto sono subito giunti i vigili del fuoco di Fermo e il personale medico e sanitario del 118 e della Croce Verde di Fermo che, dopo i primi soccorsi prestati ai due conducenti delle auto coinvolte nel sinistro, hanno disposto il trasferimento della 53enne al pronto soccorso dell’ospedale. Il sindaco, che non ha riportato ferite, ha rifiutato i controlli in ospedale e, poco dopo, ha partecipato a un appuntamento istituzionale.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle

Precedente Ascoli, anche Camplone e Di Carlo tra i candidati a sostituire Petrone Successivo Quintana e doping, battaglia legale