Tanto tuonò che non piovve

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Pesaro, 5 ottobre 2014 – Tanto tuonò che non piovve. Il grande duello si è già trasformato in guerra di posizione. Con la solita contro indicazione, nulla è cambiato di vero e concreto. Marche Nord corre verso il precipizio e con essa tutta la Sanità provinciale. Lo dicono i dati. Ad agosto la Regione ha confermato il 2,7 per mille di posti letto nella nostra provincia.

Non solo. L’assessore Mezzolani non è stato in grado di garantire entro l’anno i 6 milioni di euro tagliati. Ne arriveranno 2,6 milioni ma con destinazione vincolata: il nuovo endoscopico di Fano (2 milioni) che non si lamenta e la Radioterapia di Pesaro (600 mila euro). Dove, invece, manca il personale si farà di necessità virtù. Dalle parti di Marche Nord sono già abituati.

Per il 2015 sono stati invece confermati ulteriori tagli al personale. Il che vuol dire che difficilmente si potrà fare meglio dell’anno in corso. Il nuovo ospedale è tornato prontamente nel cassetto, perché nessuno in verità lo vuole per davvero. Se poi questo comporterà un doppio passo indietro della Sanità pesarese e fanese, con due ospedali di rete senza eccellenza alcuna, come prevedono le ultime normative nazionali… sarà l’inevitabile risultato degli errori accumulati dai Ds-Pds-Pd nel corso degli ultimi vent’anni. Ma anche dei paladini del campanilismo a tutti i costi. Gli uni e gli altri non hanno mai sbagliato un’elezione. Sarà un caso?



 

Precedente Truffa all’esame per la patente: le risposte ai quiz arrivano via telefonino Successivo L’inchino a Monachesi