Tavullia si colora di rosso, Luca Marini accoglie la sfilata delle Ferrari

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Tavullia (Pesaro e Urbino), 11 maggio 2015 – Domenica Tavullia si è colorata di rosso. Una ventina di Ferrari ha invaso, già nelle prime ore della mattina, la piazza per il ‘Raduno che Vale’ (foto), manifestazione benefica in favore dei bambini disabili sensoriali organizzata dalla Scuderia Ferrari Club Pesaro con il patrocinio del Comune di Tavullia.

Alle 10.30 ha preso il via tra due ali di folla di curiosi e appassionati il carosello di auto che ha portato i protagonisti a Belvedere Fogliense, accolti nella frazione con tutti gli onori dalla Pro Loco e dal suo presidente, Alberto Puzzo, che avevano preparato una degustazione di prodotti locali mentre Bartolucci, titolare della omonima e prestigiosa falegnameria, regalava a tutti i partecipanti un grazioso omaggio, un bellissimo portachiavi in legno raffigurante una Ferrari.

Tornati a Tavullia, i ferraristi sono stati accolti da Luca Marini, il quale, nel corso del pranzo al ristorante da Rossi, ha ricevuto dal sindaco Francesca Paolucci il Carlino d’Oro. Quindi il pilota ha raccontato con dovizia di particolari il suo bel debutto in Moto 2 nella gara di inizio stagione in Portogallo.

Grande successo ha riscosso la pesca benefica in favore dei bimbi disabili sensoriali, alla quale i ferraristi hanno partecipato con grande entusiasmo.

Quindi la giornata si è conclusa con le visite al Fan club di Vale, allo Store VR46 e al Castello di Tavullia: “Grazie Tavullia – ha detto il presidente del club Mirco Cassiani – un grazie per l’accoglienza e collaborazione al sindaco Francesa Paolucci e a tutti coloro che hanno lavorato intensamente per la riuscita della manifestazione: i ferraristi sono partiti da Tavullia chiedendoci di fare il bis il prossimo anno”.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Fabriano - Fondazione Carifac, corsa a tre per la Presidenza Successivo Ascoli: subito la sfida con la Reggiana, poi con Bassano o Juve Stabia