Tempismo perfetto

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ancona, 19 luglio 2015 – Si è mai visto che un locale che da anni cucina pesce in riva al mare, in uno degli angoli più suggestivi della costa Adriatica, venga fatto chiudere per sempre nel cuore di un’estate più torrida che mai, con la spiaggia più amata e piena come un uovo? Ovviamente no, ma evidentemente dovevamo vedere anche questa. La storia di «Anna», il ristorante fatto chiudere per abusivismo edilizio lunedì scorso, è quantomai paradossale.

Al di là delle inchieste che giustamente seguono il loro corso – perchè se un reato c’è, va perseguito – è quantomeno sospetto il tempismo con cui è arrivato il giudizio del Consiglio di Stato. Non che i giudici amministrativi si siano sbrigati ad emettere il loro verdetto, per carità, ma conoscendo un po’ la materia e considerati i tempi consuetamente biblici delle cause amministrative, la rapidità di decisione per Anna è sstata strabiliante.

E forse non è un caso che un po’ tutti, lunedì mattina, quando davanti al ristorante è stata inscenata una protesta singolare e pacifica con il pesce cucinato e offerto a tutti per evitare di buttarlo nell’immondizia, abbiano posto l’attenzione su quel cartello affisso alle pareti del ristorante: «Grazie ai nostri amici… e soprattutto al Comune».

A onor del vero stavolta il Comune c’entra ben poco. In compenso ci piacerebbe sapere chi sono gli «amici» così definiti con chiara ironia. Come se qualcuno avesse voluto o potuto spingere perchè Anna chiudesse più in fretta possibile e non avesse la possibilità di condonare in una baia dove l’abusivismo è sempre stato un problema.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Il leghista Zaffiri su Facebook: "Gabrielli, per te olio di ricino" Successivo Piazza e piazzate