Templaria tra suggestioni e mistero: il festival entra nel vivo

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Castignano (Ascoli), 17 agosto 2015 – Entra nel vivo Templaria. Il Festival andrà avanti fino al 19 agosto con un itinerario di arti e mestieri tutto da scoprire, il viaggio nell’Inferno dantesco della Compagnia dei Folli e spettacoli nuovi aggiunti alla programmazione di questo anno. Nonostante le previsioni metereologiche non promettenti, il sereno è tornato all’inizio della serata ieri a Castignano attirando numerosi visitatori, che già durante il corso del pomeriggio si erano riversati nelle stradine di Castignano, decisi a sfidare il maltempo pur di fare esperienza di una manifestazione di cui tanto avevano sentito parlare. Anche stasera si aspettano migliaia di persone a varcare la «Porta Crociata», la «Porta Santa Maria» e la «Porta Da Sole» per godere di un percorso in un’atmosfera indescrivibile, ma assolutamente da vivere.

Ecco cosa offre Templaria 2015 – Quindici palchi stabili con esibizioni di teatro, musica e danza, 21 gruppi di artisti che offrono esibizioni itineranti: mangiafuoco, spettacoli con i trampoli, teatro di strada dai toni goliardici oppure di intesità drammatica, in cui si annulla la distanza tra attore e spettatore.

Templaria Festival illumina i vicoli e le piazzette di tutto il centro storico di una atmosfera magica. E in particolar modo, quest’anno è la chiesa di piazza San Pietro, il punto principale e la piazza più grande del centro storico, ad essere illuminata in modo da far restare gli spettatori a bocca aperta, grazie al videomapping.

La chiesa diventa schermo tridimensionale e protagonista di una storia che si disegna su di essa, rendendola una superficie viva e dinamica. Le arti e i mestieri medievali trovano lo scenario più suggestivo in via dei Templari, la strada che conserva anche nel suo nome la leggenda del passaggio dei Templari a Castignano.

Novità da non perdere è anche il percorso della canapa che mostra l’utilizzo di questa pianta sin nei secoli addietro, nel settore tessile, alimentare, edilizio e della carta. Nove sono i punti ristoro e le taverne che offrono menù con ricette medievali, corollati da punti vendita di prodotti tipici come i vini della locale Cantina di Castignano o prodotti a base di anice verde, coltivazione tradizionale castignanese. Per gli amanti dell’arte i musei e le chiese sono aperte tutta la notte con possibilità di visite guidate. Templaria non trascura i bambini, che sempre numerosi si radunano intorno al falco di Falcon G, o che si cimentano con le spade, prendendo lezioni dal gruppo degli Equites Castaneae. I biglietti sono acquistabili in loco ed è previsto anche un servizio di bus navetta che al prezzo di 5 euro

andata e ritorno connette Ascoli, Porto San Giorgio e tutta la Riviera delle Palme a Castignano.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Guasto alla centralina elettrica, a fuoco una mansarda Successivo Scoperti 4 appartamenti a 'luci rosse'